Gibson

La Gibson Guitar Corporation nasce nel 1902 a Kalamazzo, Michigan come Gibson Mandolin-Guitar Mfg. Co, Ltd. Fu fondata da Orville Gibson per commercializzare i mandolini da lui prodotti. Alla Gibson dobbiamo l’invenzione della chitarra archtop e la commercializzazione, nel 1936, della prima chitarra elettrica, la ES-150. Sempre a loro dobbiamo il ponte tune-o-matic. Se volete sapere quali gruppi e chitarristi hanno costruito il loro suono su delle chitarre Gibson, cercate la lunghissima pagina di Wikipedia dedicata alla lista dei “suonatori” di Gibson. Vi renderete così conto di quanto dobbiamo a questa azienda.

Prima di parlare della chitarra Gibson più famosa in assoluto, la Les Paul, vogliamo menzionare tre modelli di chitarra unici per design. Queste chitarre sono considerate troppo moderne per i tempi in cui uscirono sul mercato. Stiamo parlando della Gibson Flying V, della Gibson Moderne e della Gibson Explorer. Presentate al NAMM Show del 1957 Solo la Flying V e la Explorer furono allora commercializzate, ma con scarso successo.

Della Gibson Flying V ne furono prodotti fra il ’58 e il ’59 meno di 100 pezzi. Solo nella seconda metà degli anni ’60 alcuni chitarristi, come ad esempio Dave Davies dei The Kinks, in cerca di una chitarra con un grande suono ma dal look unico iniziarono ad usarla nei loro concerti. I tempi erano maturi per questa chitarra dalla forma futuristica e la continua richiesta da parte del pubblico obbligarono la Gibson a reintrodurla, nel 1967, nel suo catalogo. Grazie al suo look aggressivo la Gibson Flying V è diventata popolare fra i gruppi heavy metal. Scorpions, Wishbone Ash, UFO, Metallica e Megadeth sono solo alcuni dei gruppi i cui chitarristi sono stati immortalati suonandola.  

Simile storia quella della Gibson Explorer. Anche lei ha fatto il suo debutto nel ‘58 ed è stata prodotta inizialmente fino al 63 ma con vendite minime. Delle meno di 50 prodotte all’epoca, sembra che siano sopravvissuti solamente 38 esemplari. Se vi trovaste ad averne uno sappiate che il suo valore è, secondo la rivista Vintage Guitar, fra i 250.000$ e i 300.000$, qualcosa di più di una Flying V della stessa epoca.

La Gibson Moderne a differenza delle sue due sorelle non ha mai visto la luce negli anni ’50, ma solamente nel 1982, prodotta per un paio di anni dalla Epiphane. È nel catalogo Gibson dal 2012. Si racconta che un ingegnere della Gibson (Rendall Wall) ne abbia suonato un prototipo in un concerto nel 1960. L’aveva trovato abbandonato in un angolo di un magazzino della Gibson. L’ha subito riportata indietro dicendo che era talmente brutta che nessuno la voleva.  Aveva torto. Era talmente bella da essere in anticipo suoi tempi di mezzo secolo.

La Gibson più famosa è sicuramente la Les Paul, chiamata così per l’omonimo cantante e inventore che l’ha creata e sviluppata. Il primo prototipo di questa chitarra fu presentato da Les Paul alla Gibson nel ’46. La Gibson si trova davanti un prodotto troppo avveniristico e il progetto viene scartato. Verrà ripreso pochi anni dopo, nel ’51, dopo che la Fender inizierà a produrre le prime chitarre solid-body con successo (la Telecaster). La direzione della Gibson era cambiata, il mercato era cambiato e il progetto di Les Paul fu ripreso in considerazione. Da allora e con qualche piccola parentesi, questo modello è stato prodotto fino ai nostri giorni. Che si tratti delle più costose e belle “custom”, passando dalla linea “standard” fino alle più economiche “studio” una Gibson Les Paul è garanzia di qualità, suono caldo, pieno e di un sustain praticamente infinito.

R&D Sound ha un vasto assortimento di chitarre Gibson e una scuola di musica dove potrai conoscere più curiosità sulla storia di questo marchio e imparare a trarre il meglio da loro. Siamo facilmente raggiungibile ovviamente da Lugano, ma anche da Como, Bellinzona, Locarno e da tutto il Ticino. Vieni a trovarci!

Continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. -

Die Cookie-Einstellungen auf dieser Website sind auf "Cookies zulassen" eingestellt, um das beste Surferlebnis zu ermöglichen. Wenn du diese Website ohne Änderung der Cookie-Einstellungen verwendest oder auf "Akzeptieren" klickst, erklärst du sich damit einverstanden.

Schließen